I commenti sono off per questo post

Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto” (Gv 15, 5-9) settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani.

L’ odierno  inizio della Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani invita tutti, concordi, a pregare affinchè “si compia il desiderio di Gesù: «Che tutti siano una sola cosa» (Gv 17,21). L’unità, che sempre è superiore al conflitto”. Quest’anno il tema che accompagnerà i giorni della Settimana, tradizionalmente compresa tra la festa della Cattedra di San Pietro e quella della Conversione di San Paolo, si rifà al monito di Gesù: «Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto» tratto dal Vangelo di Giovanni (Gv 15,5-9). 

La celebrazione cade ogni anno dal 18 al 25 gennaio . . A Roma sarà il Papa, come di consueto, a chiudere il 25 gennaio la Settimana nella Basilica di San Paolo Fuori le Mura presiedendo la celebrazione dei Vespri insieme ai rappresentanti delle altre Comunità cristiane.
Nell’arco degli otto giorni, siamo invitati a meditare e pregare sui diversi spunti suggeriti dai versetti del noto brano della vite e i tralci dell’evangelista Giovanni.

Nel primo giornoChiamati da Dio: “Non siete voi che avete scelto me, ma io ho scelto voi” (Gv 15, 16a); nel secondo, Maturare interiormente: “Rimanete uniti a me, e io rimarrò unito a voi” (Gv 15, 4a); nel terzoFormare un solo corpo: “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi” (Gv 15, 12b). Poi al quarto si rifletterà sul senso profondo del pregare insieme: “Io non vi chiamo più schiavi […]. Vi ho chiamati amici” (Gv 15, 15). Nel quinto giorno ci si concentrerà sul lasciarsi trasformare dalla Parola: “Voi siete già liberati grazie alla parola che vi ho annunziato” (Gv 15, 3). Nel sesto giorno si farà spazio al tema dell’accogliere gli altri: “Vi ho destinati a portare molto frutto, un frutto duraturo” (Gv 15, 16b). Crescere in unità è l’aspetto a cui si darà attenzione nel settimo giorno: “Io sono la vite. Voi siete i tralci” (Gv 15, 5a), per concludere, nell’ottavo, con la dimensione della riconciliazione con l’intera creazione: “Perché la mia gioia sia anche vostra, e la vostra gioia sia perfetta” (Gv 15, 11).

Vatican News