I commenti sono off per questo post

Gruppi Accoglienza Acor

Il confronto umano e credente tra le competenze di vita di persone separate (uomini e donne), la sensibilità di coniugi attenti ai segni dei tempi, la professionalità di una psicologa e le esperienze di ascolto degli accompagnatori spirituali (un presbitero e un’ausiliaria diocesana) di queste prime equipe, hanno compartecipato, nella creatività dello Spirito, alla nascita di questo nuovo cammino che oggi conta più spazi di incontro.

L’anima ecclesiale orienta l’equipe, che è il cuore pulsante di ogni Gruppo Accoglienza. L’equipe nasce e si esprime secondo lo stile di una piccola comunità che condivide pesi, fatiche e speranze dentro la Chiesa, con la Chiesa e per la Chiesa, annunciando in particolare alle persone separate il Vangelo della speranza e della tenerezza.

Il gruppo Accoglienza non propone un percorso terapeutico con obiettivi di “guarigione” da raggiungere, ma è segno gioioso e vivace della Chiesa diocesana vicina alle persone separate.