I commenti sono off per questo post

21 novembre 2019 – Vespro d’Avvento nella chiesa di San Bovio

Una comunità sempre più allargata che prega, che canta, che ascolta e medita la parola di Dio in una serata del tempo di Avvento.
Avvento, come ci esorta il nostro arcivescovo, è tempo di Grazia per orientare tutta la vita nella direzione della Speranza cristiana.

Qui sotto riportiamo alcuni brani cantati e una breve registrazione della musica d’arpa suonata da Greta Redaelli che ci hanno aiutato  a comprendere il senso del nostro ritrovarci

Canto natalizio irlandese del XIV sec.

Ballade di A. Hasselmans (1845 – 1912) – Greta Redaelli all’arpa

Rorate, caeli

Riscopriamo l’antica preghiera dell’Angelus, come impegno quotidiano durante l’Avvento.

L’Angelo del Signore portò l’Annunzio a Maria
Ed Ella concepì per opera
Dello Spirito Santo.

Ave Maria

Eccomi, sono la serva del Signore.
Si compia in me la tua parola.

Ave Maria

E il verbo si fece carne.
E venne ad abitare in mezzo a noi

Ave Maria

Prega per noi, santa Madre di Dio.
Perché siamo resi degni
delle promesse di Cristo.

Preghiamo

Infondi nel nostro spirito la tua grazia,
o Padre; Tu, che nell’Annunzio
dell’Angelo ci hai rivelato l’incarnazione
del tuo figlio, per la Sua passione e la
Sua croce guidaci alla gloria della
risurrezione.
Per Cristo nostro Signore. Amen

Breve nota sulla raffigurazione riportata in home page

Questa celebre opera è probabilmente la prima in cui l’Annunciazione costituisce il motivo centrale di una pala d’altare: tale innovazione di Simone Martini assume un significato particolare poiché la Vergine Maria è la patrona di Siena, la città in cui lui lavorava. Il giglio al centro è uno dei simboli ricorrenti della purezza di Maria; mentre il ramo di ulivo, più raro, che Gabriele stringe nella mano, rappresenta la pace