I commenti sono off per questo post

I nipoti di Babbo Natale

Un’idea che porta un sorriso in più all’interno delle case di riposo italiane. Attraverso questo progetto, gli anziani delle case di riposo possono esprimere un desiderio: da una scatola di caramelle a un viaggio in aereo e chi vuole può decidere di esaudirlo. A Giovanni piacerebbe ricevere un trenino da collezione per prendersene cura quotidianamente; Francesco ha riscoperto la passione per la pittura e, ora che il tempo non gli manca, vorrebbe ricevere una scatola di acquarelli professionali; c’è poi chi vorrebbe fare un viaggio a Parigi, chi un giro sul battello… Sono questi alcuni dei desideri degli anziani delle case di riposo italiane coinvolti nel progetto “I nipoti di Babbo Natale”. L’idea nasce nella Repubblica Ceca ed è arrivata in Italia grazie a Katerina Neumann e al sostegno dell’associazione Un Sorriso in Più Onlus, che da 15 anni si occupa di anziani soli. «Dopo l’incontro con Katerina − ci racconta Laura Brucola, una delle coordinatrici della Onlus − abbiamo iniziato a contattare le case di riposo presenti nella zona di Varese, Como e Monza Brianza, poi la voce si è sparsa e strutture da tutta Italia ci hanno contattato per aderire al progetto». L’idea è molto semplice: gli anziani delle case di riposo coinvolte hanno la possibilità di esprimere un desiderio che viene poi caricato sul sito, a quel punto chiunque può diventare un “nipote di Babbo Natale” ed esaudirlo. Poi arriva la felicità nel sapere che qualcuno ha deciso di regalare qualcosa proprio a te». La stessa felicità che ha provato Carla quando dopo aver chiesto un vestito rosso si è vista arrivare una magliaia con suo figlio pronti a prenderle le misure per l’abito; oppure Angelo che ha chiesto di volare e lo farà in primavera sorvolando il lago di Como su un idrovolante grazie alla generosità di Charlotte; grandi sogni o piccoli come quello del sig. Lorenzo, che ha chiesto una piccola scatola di latta con dentro delle caramelle, «per prenderne una ogni sera e ricordarmi la dolcezza della persona che me l’ha donata».

Città nuova.