I commenti sono off per questo post

dal gruppo AGESCI Mirazzano 1, campi scout estate 2019

Noi ragazzi scout sviluppiamo le nostre potenzialità vivendo con gli altri, sperimentando e vivendo una forma di vita comunitaria fondata sull’accoglienza delle nostre diversità, sulla fraternità e sul rispetto e sulla conservazione del creato.  Non si cresce se non in relazione con gli altri e con Dio Padre. Conoscersi, volersi bene, aiutarsi e divertendosi insieme.

Le vacanze di Branco/Cerchio
Il Branco (lupetti) e il Cerchio (coccinelle) sono due gruppi misti di bambini e bambine dagli 8 ai 12 anni che durante l’anno vivono due percorsi separati, con alcuni incontri e momenti in comune. Quest’anno vivranno le vacanze estive di Branco/Cerchio insieme per la prima volta.
Dal 25 agosto al primo settembre saranno alla casa scout di Pralungo di Montevaccino, in provincia di Trento. I bambini saranno 40 e a cucinare per loro ci saranno alcuni ragazzi del nostro Clan (17-21 anni) in servizio.
Giochi, racconti, attività nella natura e manuali in una settimana intensa di vita comunitaria, in cui i bambini – lontani dalle comodità di casa – imparano anche a prendersi cura di sé, degli altri, delle proprie cose e degli spazi comuni, attraverso, per esempio, turni di servizio per la pulizia della casa. Alcune attività avranno come ambientazione “Gli dei dell’Olimpo”, con giochi e costumi a tema.
La catechesi è incentrata sul “prendersi cura”: i bambini attraverso l’incontro con Gesù in alcuni brani del Vangelo avranno modo di scoprire quanto sia importante prendersi cura del prossimo.

Il campo estivo di Reparto
Il Reparto è composto da ragazzi e ragazze tra i 12 e i 16 anni, che iniziano a scoprire e sperimentare se stessi vivendo l’avventura scout.
Il 17 agosto partiranno per il Campo estivo e andranno in montagna, a Bognanco (Verbano-Cusio-Ossola). I ragazzi saranno 30.
Vivranno dieci giorni in tipico stile scout: dormiranno in un bosco in tende sopraelevate mediante apposite strutture costruite dai ragazzi; i ragazzi vivranno e giocheranno insieme, sperimentandosi anche nella gestione della vita quotidiana, per esempio cucinando in autonomia sopra un fuoco acceso con la legna. Spazio all’avventura, alle tecniche, al gioco, ma anche alla riflessione personale, alla preghiera e alla catechesi comunitaria. Ogni giorno un piccolo gruppo (che si chiama squadriglia) legge e approfondisce insieme ai capi (gli educatori) un brano di Vangelo (all’interno di un percorso di catechesi pensato dai capi stessi), si confronta con la Parola e poi in autonomia sceglie come condividere gli spunti emersi insieme al resto del gruppo (con una discussione, un gioco, un racconto, un momento di condivisione).
Un’occasione intensa e preziosa per sperimentare l’importanza di collaborare con gli altri e di provare ad adattarsi alle esigenze e alle difficoltà in contesti lontani dal comfort cui siamo abituati, lottando per i propri sogni e imparando a progettarsi per realizzarli.
La Route di Clan
Il Clan è composto da ragazzi e ragazze tra i 17 e i 21 anni.
Dal 3 al 10 agosto partiranno per il Veneto: faranno 4 giorni di strada sui sentieri delle Dolomiti, in particolare percorrendo il giro delle Tre Cime di Lavaredo, e poi 3 giorni di servizio presso Villa Gregoriana ad Auronzo di Cadore, dove accompagneranno delle persone diversamente abili su percorsi di montagna.
Un’esperienza che unisce due delle peculiarità della vita di Clan: la Strada e il Servizio. Un’occasione per i ragazzi per mettersi alla prova nella fatica, riscoprendo l’importanza e la bellezza del supporto della Comunità, per sperimentare i propri limiti e conoscersi meglio, per contemplare la bellezza della natura, dono di Dio.
I giorni di Servizio permetteranno loro di mettersi in gioco con persone diversamente abili, imparando nuove modalità di relazione e condivisione, e riscoprendo l’importanza del farsi dono gratuitamente.

a cura di Valeria Leone