I commenti sono off per questo post

Recuperare la dimensione contemplativa della vita.

Un’armonica crescita dell’uomo secondo la sua piena misura e capacità.

“L’esodo massiccio dalle città nei periodi di vacanza e nel fine settimana esprime in fondo questo desiderio di ritorno alle radici contemplative della vita. Un momento di distacco dall’incalzare delle cose, di riflessione, di valutazione alla luce della fede, che è tanto necessario per non essere travolti dal vortice degli impegni quotidiani. Un tempo prezioso: spazi di riflessione contemplativa. Spesso siamo appesantiti dall’accumulo delle fatiche quotidiane e dalla molteplicità delle preoccupazioni. L’ansia della vita non è la legge suprema, essa è vinta da un senso più profondo dell’essere dell’uomo, da un ritorno alle radici dell’esistenza. Aprire gli occhi, recuperare la dimensione contemplativa, il silenzio, l’ascolto della Parola, la riflessione e meditazione.
Un momento di pausa, un momento contemplativo. ”
Carlo Maria Martini